Caparra o acconto? Quali le importanti differenze!

30.11.2015 16:12

Quando parliamo di “acconto” o di “caparra” ci riferiamo sempre ad un anticipo di denaro sul pagamento di un prezzo; ma la loro funzione è diversa. Vediamo qual è la differenza tra le due.

Acconto: è un anticipo sul pagamento del prezzo dovuto. Nessuna delle parti ha diritto di trattenere l’acconto, nemmeno nel caso in cui una delle due sostenga di aver subito un danno. Pertanto, l’acconto dovrà essere restituito tutte le volte che il contratto non si conclude, indipendentemente dalla responsabilità delle parti. Per avere un risarcimento, la parte danneggiata dovrà fare causa e dimostrare di aver subito un danno. 

Per esempio: 

vado in un negozio per comperare una camicia che costa 100 euro, ma la camicia non è disponibile nella mia taglia. Il negoziante mi dice che arriverà dopo una settimana. Decido allora di prenotarla, lasciando un acconto di 10 euro. Che cosa può succedere? 

1. La camicia arriva e la compro, versando i residui 40 euro; 

2. la camicia arriva, ma cambio idea: in questo caso il negoziante deve restituirmi l’acconto. Se, per colpa del mio rifiuto, il commerciante subisce un danno, sarà comunque obbligato a restituirmi l’acconto e, per ottenere il risarcimento, dovrà farmi causa e provare l’entità del suo danno; 

3. la camicia non arriva: il negoziante mi deve restituire l’acconto. 

Caparra confirmatoria: 

come l’acconto, anche la caparra confirmatoria è un anticipo sul pagamento del prezzo dovuto, che viene consegnato per confermare la propria volontà all’acquisto di un bene o di un servizio; nel caso però in cui una delle parti venga meno agli impegni presi, ha la funzione di risarcimento senza che si debba fornire la prova del danno subito. 

Infatti, il codice civile [1] stabilisce che in caso di inadempimento dell’acquirente (cioè di un rifiuto ad acquistare) la caparra confirmatoria versata può essere trattenuta dal venditore a risarcimento del danno subito. 

Se inadempiente è il venditore (perché si rifiuta di vendere), l’acquirente può richiedere la restituzione del doppio della caparra versata. L’alternativa è quella di rivolgersi al giudice per costringere la parte a rispettare l’impegno assunto. 

Per esempio: decido di comperare un immobile al prezzo di 150 mila euro e firmo un preliminare, versando al proprietario una caparra confirmatoria di 15 mila euro.   Che cosa può accadere? 

1. Al momento del rogito, rispetto il mio impegno e verso il saldo di 135 mila euro: in questo caso la caparra confirmatoria viene considerata come un acconto; 

2. decido di non comprare più l’immobile e il proprietario ha il diritto di trattenersi la caparra che ho versato;

3. il venditore decide di non vendermi più l’immobile ed io ho il diritto di farmi restituire il doppio della caparra che ho versato; 

4. il venditore decide di non vendermi più l’immobile, ma io decido che lo voglio acquistare comunque: mi rivolgerò al Giudice per costringere il venditore a tener fede al suo impegno.   

Quindi.....si deve prestare massima attenzione alla caparra confirmatoria: se viene inserita nel contratto, si deve essere sicuri di rispettare l’impegno e di poterla pagare.   In mancanza di diverso accordo, la somma versata senza specificare che si tratta di una caparra confirmatoria è considerata come acconto. 

Perché possa considerarsi caparra è necessario che ciò venga esplicitato nel contratto. 

Per evitare rischi..rivolgersi ad un esperto è sempre la cosa migliore.

Indietro

Contatti

ilconsulenteimmobiliare

Blog

  • 11.07.2017 10:33

    Caparra confirmatoria o penitenziale? Differenze importanti

    La caparra confirmatoria è quella somma di denaro (o quantità di cose fungibili) che una parte consegna all'altra, al momento della conclusione del contratto (ad esempio in caso di compravendita), per garantire l'adempimento delle obbligazioni contrattuali. Se la parte che ha versato...

  • 11.11.2016 16:51

    Diritto alla provvigione agente immobiliare: casi particolari

    Una recente sentenza della Corte d'Appello di Lecce chiarisce quali sono i casi in cui è dovuta la provvigione all'agente immobiliare. Il diritto del mediatore sorge quando la conclusione dell'affare - la compravendita di una casa - è conseguenza di un'opera svolta dallo stesso,...

  • 23.09.2016 16:11

    Come vendere dopo la separazione una casa coniugale cointestata

    Quando un immobile risulta cointestato per metà ad entrambi i coniugi, affinché uno dei due possa diventarne proprietario esclusivo dovrà acquistare anche la quota parte di proprietà dell’altro. Ciò è possibile con le modalità  volute dagli ex coniugi comproprietari. Nel caso in cui l’acquisto...

  • 13.07.2016 11:27

    Cedolare secca si o no?

    Tre proprietari su quattro scelgono la cedolare secca sugli affitti, questo lo si evince dalle statistiche derivanti dalle dichiarazioni dei redditi 2015. Ma quali condizioni determinano la scelta della cedolare secca? Credo che chi sceglie non sempre si informa che per i contribuenti che...

  • 17.03.2016 15:26

    18 rate di mutuo non pagate e la banca ti prende la casa!! Come evitarlo!

    E' in discussione al Parlamento il dlgs di attuazione della direttiva dei mutui che introduce la possibilità per le banche di ottenere l'immobile dato in garanzia dopo 18 rate non pagate, sempre e quando sia previsto dal contratto sottoscritto con il debitore. Ma prima di arrivare al...

  • 06.02.2016 10:06

    Il credito d'imposta è sempre riutilizzabile per intero!

    La sentenza n. 2072 della Cassazione, depositata il 3 febbraio 2016, ha stabilito che nell’ambito dell’agevolazione per l’acquisto della prima casaè ammissibile il credito d’imposta “a catena”. Questo vuol dire che il bonus fiscale non si estingue mai. In poche parole si può portare in...

  • 25.01.2016 10:12

    Registrazione contratto di locazione, le novità

    La legge di Stabilità 2016 ha modificato le norme sulla registrazione dei contratti di affitto. A partire dal 1º gennaio la registrazione spetta, infatti, solo al proprietario di casa che deve realizzarla nel limite perentorio dei 30 giorni. Ma vediamo cos'è cambiato. Registrazione...

  • 09.12.2015 16:53

    Che cos'è il credito di imposta e come usufruirne!

    Chi cede l’abitazione “agevolata” ed entro un anno dalla vendita ne acquista un’altra (anche se non ultimata) avente i requisiti “prima casa”, ha diritto a un credito d’imposta pari all’imposta di registro o all’Iva pagata per il primo acquisto agevolato. Il credito d’imposta spetta anche...

  • 30.11.2015 16:12

    Caparra o acconto? Quali le importanti differenze!

    Quando parliamo di “acconto” o di “caparra” ci riferiamo sempre ad un anticipo di denaro sul pagamento di un prezzo; ma la loro funzione è diversa. Vediamo qual è la differenza tra le due. Acconto: è un anticipo sul pagamento del prezzo dovuto. Nessuna delle parti ha diritto di trattenere...

  • 25.11.2015 10:50

    Canna fumaria non adatta alle nuove caldaie?

    Canna fumaria non adatta alle nuove caldaie? dal 26 settembre 2015 sarà possibile immettere in commercio e installare solo caldaie a condensazione ad alto rendimento, ai sensi del D.Lgs.  n. 201 del 6 novembre 2007 , il quale recepisce la Direttiva Europea 2005/32/CE...

1 | 2 >>

© 2015 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode